a

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa cum sociis Theme natoque.

Latest Posts

1-677-124-44227
184 Main Collins Street West Victoria 807
info@yoursite.com

Barban

Barban

una piccola e vivace cittadella con 235 abitanti situata a sud dell’Istria, sopra la valle dell’Arsa, sulla strada Pola – Albona – Fiume, a 27 km da Pola e a 18 km dalla Ipsilon istriana. Il centro del Comune di Barbana, che ha lo sbocco sul mare nel Canale d’Arsa, si estende su una superficie di 100 km2 e comprende 2802 abitanti.

In questo autentico paradiso verde intorno all’area di Barbana sono immersi ben 73 paesi e paeselli.

The center of the Municipality of Barban, which has its way-out into the Rasa Bay, encompasses an area of 100 km2 and a population of 2802 inhabitants. Apart from Barban, the green surrounding area comprises some 73 villages and hamlets.

Di più – Barban

Barbana è una piccola cittadina, la cui storia risale al 13. secolo quando appartaneva al feudo di Pisino, possesso dei conti di Gorizia. Quando gli Asburgo nel 1374 assumono il potere in Istria, anche Barbana cade sotto il dominio austriaco. Devastata dagli inesorabili scontri bellici tra Austria e Venezia (1508-1516), Barbana abbandona ogni difesa davanti a Venezia nel 1516. Nel 1535 del feudo si impossessa l’illustre famiglia veneziana Loredan, sotto cui rimarrà fedele sino al 1869, ossia per ben 334 anni.
Durante la guerra con i Francesi nel 1805, l’Austria perde la parte veneziana dell’Istria, che viene annessa al Regno d’Italia napoleonico. Dopo la sconfitta dei Francesi nel 1815, il Congresso di Vienna decide che l’Istria sarebbe passata all’Austria, sotto cui giurisdizione rimane sino alla fine della Prima guerra mondiale, cioè fino al 1918.
Barbana si vale di una miriade di monumenti antichi: 4 chiese (la chiesa maggiore di S. Nicola – costruita nel 1701 in stile barocco, costruita al posto di una chiesa più piccola in stile romanico, la chiesa di S. Giacomo Apostolo, la cappella di S. Antonio Abate, la chiesa della Madonna dell’Orto); i resti delle mura cittadine: la Porta Grande principale, “Velika vrata” (all’ovest, costruita nel 1718), la Porta piccola, “Mala vrata” (ad oriente, costruita nel 1720) con alcune vestiglia della cinta muraria fortificata (costruita nel 1555); la torre con mura perimetrali, che testimoniano i resti della città fortificata, quale Barbana era nell’epoca medievale; le incisioni in caratteri glagolitici nella chiesa di S. Antonio Abate e i graffiti glagolitici nella chiesetta di S. Giacomo; l’antica iscrizione romana dal 1. secolo dopo Cristo; la loggia pubblica (il campanile con l’orologio distrutto nel 1944) quale parte della meravigliosa piazza antica e del palazzo dei Loredan (costruito nel 1606); gli affreschi del 15. secolo nella chiesetta di S. Giacomo Apostolo (l’opera dell’artista Giovanni da Castua); il battistero in pietra; il tabernacolo gotico del 15. secolo (opera dello scultore e mastro Domenico da Capodistria) e la statua in legno di S. Nicola nella chiesa parrocchiale; i dipinti sull’altare della parrocchia di San Nicola eseguiti dagli scolari di Palma Minore (1544-1628), lo scolaro di Tizian; i dipinti sulle mura interne e sulla cupola a punta del 15. secolo nella chiesa di S. Antonio Abate e numerose altre curiosità.
Grazie ai monumenti ben custoditi risalenti al Barocco e al Gotico, agli affreschi, alle incisioni in glagolitico, alle chiese, ai palazzi, alle mura e alla gara cavalleresca “Giostra all’Anello“, Barbana attrae e diviene una destinazione interessante per tutti coloro che sanno apprezzare il ricco patrimonio storico-culturale.